Arrestato imprenditore nella cordata per Sant’Orsola

Alessandro Paolini è accusato di bancarotta fraudolenta

E’ finito ai domiciliari nell’ambito di un’inchiesta per bancarotta fraudolenta: Alessandro Paolini, imprenditore 50enne residente a San Casciano, è legato alla cordata che si è aggiudicata la riqualificazione del complesso fiorentino di Sant’Orsola. Paolini risulta amministrare la società capofila del gruppo che punta a restaurare l’ex convento e realizzare l’Accademia della musica del tenore Andrea Bocelli. La società in questione non è tra quelle coinvolte nell’inchiesta della procura fiorentina. Secondo le accuse, Paolini avrebbe organizzato una rete di società collegate con un sistema “a scatole cinesi”, che venivano spogliate di utili e beni per poi portarle a fallimento, con perdite per i creditori. Indagato con l’imprenditore per concorso in bancarotta c’è il commercialista di Impruneta Andrea De Tora, colpito dalla misura della sospensione temporanea dall’esercizio dell’attività professionale. A De Tora risulta intestata un’altra delle società della cordata per Sant’Orsola, la Bch srl che è stata dichiarata fallita ieri e che secondo gli investigatori era amministrata di fatto sempre da Paolini. All’imprenditore finito ai domiciliari sono stati sequestrati beni immobili per un valore di 380mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *