Mobike, via ufficiale anche a Scandicci

A giorni si aggiungerà Bagno a Ripoli, poi potrebbe toccare a Prato

Di fatto già era possibile sbloccare e bloccare le mobike in territorio comunale scandiccese, e le bici grigio metallico con le vistose ruote arancioni si trovavano senza difficoltà nel comune amministrato dal sindaco Sandro Fallani: ieri però è arrivato il via libera con le delibera della giunta e da oggi il bike sharing è ufficialmente regolamentato anche a Scandicci. Lo ha spiegato nel gr del mattino l’assessore Barbara Lombardini. La giunta di fatto ha concesso l’autorizzazione ad operare al colosso cinese del bike sharing. Stamani invece è arrivato l’ok della giunta di Bagno a Ripoli per una sperimentazione di sei mesi con Mobike: il sindaco Casini e la sua giunta lavorano anche per dotare il comune di una flotta a pedalata assistita, da sfruttare anche sui percorsi collinari. Conclusa la sperimentazione, il comune aprirà un apposito avviso pubblico per affidare la gestione del servizio. Di fatto il servizio si prepara a varcare i confini di Firenze anche su altri fronti: a Sesto Fiorentino sembra ormai questione di giorni, e anche il comune di Prato ha ricevuto una richiesta da Mobike.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *