Tassista picchiato, appello di Socota alle istituzioni. E giovedì il corteo dei sindacati

Ottava aggressione da gennaio a Firenze. E giovedì la manifestazione per il collega Gino Ghirelli

Ottava aggressione ad un tassista a Firenze dall’inizio dell’anno: l’ultimo episodio è avvenuto sabato sera alle 21.45 in zona Porta al Prato. L’uomo, un 29enne residente in città, era a bordo di una moto e prima ha tamponato un taxi in via Ponte alle Mosse e poi ha iniziato una colluttazione con il tassista fuori da un edificio di Porta al Prato, infine all’arrivo della polizia municipale si è di nuovo avventato contro il tassista e quindi anche contro gli agenti. I vigili hanno ammanettato il motociclista, che in seguito è risultato positivo ad alcol e droga, oltre ad essere senza patente e con precedenti per violenza, violenza sessuale e reati contro il patrimonio. Un episodio che per fortuna non ha avuto le conseguenze drammatiche di quanto accaduto lo scorso luglio in piazza Beccaria, quando il tassista Gino Ghirelli rimase ferito durante un diverbio con due giovani clienti; poche ore dopo ebbe un malore e da allora è in coma. Per giovedì, in segno di vicinanza a Gino e per riportare l’attenzione sul problema sicurezza per la categoria, i sindacati dei tassisti hanno organizzato un corteo dalle 15 alle 17.30: la manifestazione partirà proprio da piazza Beccaria e si concluderà in piazza Stazione, passando per piazza Duomo.
Nell’intervista invece l’appello di Marzio De Vita, presidente della cooperativa Socota, che chiede un intervento delle istituzioni per proteggere i tassisti fiorentini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *